Particolare del Duomo di Modena

Acetaia Dondi
Aceto Balsamico Tradizionale di Modena

La storia dell'aceto balsamico di Modena L'aceto balsamico Dondi Vai alla home page Invia una e-mail
Logo 50&PIU' Fenacom

L'Aceto Baslamico Tradizionale Dondi

Il singolare ed esclusivo nettare, riservato, nella storia, ai nobili e ai ricchi per uso medicale (balsamico) e culinario (aceto), ha continuato, presso rari cultori, come nell'Acetaia Dondi, ad invecchiare in botti di rovere o moro-gelso, o castagno, o ciliegio, o ginepro, che cedono, col passare degli anni l'aroma della loro essenza lignea, in ambiente adeguatamente areato e silenzioso attraverso aromi e profumi che caratterizzano l'aceto balsamico tradizionale.

Immagine della bottiglia d'Aceto Dondi

Particolare delle botti di invecchiamento

Nelle botti, dei diversi legni, è custodito il mosto ricavato da uve bianche ( trebbiano) che, prece-dentemente bollito e lentamente evaporato per molte ore, cala sino a due terzi senza diventare 'caramello'.

Il mosto bollito, che costituirà l'elemento principale dell'aceto balsamico, rimane un elemento chimico vivo ed enzimato, che “lavora” anno dopo anno, e rincalzato e corretto, con altro mosto “giovane” favorisce la trasformazione degli zuccheri in acido acetico, raggiungendo così, come vuole la tradizione, tra i 6 o più gradi acetici.

Ogni produttore, naturalmente, aggiunge un pizzico di mestiere ed arte, per cui, anche ogni ottimo aceto balsamico non è mai uguale all'altro.

L'Aceto Balsamico ha tradizionalmente anche un uso terapeutico: un cucchiaino da caffè di aceto balsamico invecchiato, consumato al mattino, è estremamente efficace nella cura e guarigione dell'ulcera gastrica. I fenoli, i polifenoli, gli enzimi ed altro, infatti rinforzano le pareti dello stomaco e dell'intestino, regolando così, la secrezione gastrica.

Particolare di una botte
Particolare delle botti d'invecciamento

Gli esperti ed assaggiatori del Consorzio dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena hanno fissato i diversi livelli di prodotto in base agli anni di invecchiamento. Con 12 -15 anni di invecchiamento in botte avremo l' Aceto Balsamico Tradizionale affinato, con 25 - 30 anni di invecchiamento in botte avremo l'Aceto Balsamico Tradizionale extra vecchio, oltre i 30 anni di invecchiamento in botte otterremo un nettare esclusivo.